Il digital marketing nel 2018: gli elementi a cui prestare attenzione

Ivan Gambaccini Ivan Gambaccini   |   8 gennaio 2018

I primi giorni di ogni nuovo anno sono quelli in cui si scrive la lista dei buoni propositi, in cui si inizia a pianificare una nuova “ripartenza” dopo aver tirato le somme dell’anno precedente. La settimana scorsa abbiamo stilato la nostra top 10 degli articoli più letti del 2017 per capire quali argomenti hanno suscitato maggiore interesse. Oggi, invece, vogliamo porre l’attenzione su quali elementi di digital marketing giocheranno un ruolo fondamentale quest’anno, non solo per noi marketer, ma anche per i nostri clienti, ansiosi di nuove opportunità di implementazione del proprio business. Due, a mio avviso, saranno i termini intorno ai quali ruoteranno tutti i nuovi strumenti del marketing digitale: mobile e digitalizzazione dei processi.

Il digital marketing nel 2018: gli elementi a cui prestare attenzione

Mobile native, mobile video, mobile messaging, smart replies, lives, esperienze immersive, realtà virtuale e realtà aumentata: avremo delle belle novità per progettare una comunicazione efficace per i nostri clienti! Ma quali saranno le innovazioni più interessanti e quali le applicazioni per le imprese?

  • Whatsapp business: per gestire la comunicazione azienda-clienti con affidabilità e sicurezza, per fornire informazioni di pre e post vendita, per gestire conferme di spedizione e consegna, per update di qualsiasi tipo e per l’interfacciamento a e-commerce e banche online. Whatsapp Business sarà l’app che commercianti, professionisti e aziende dovranno installare sul loro smartphone per gestire i rapporti commerciali con i clienti. Dal punto di vista del cliente non cambia nulla. Infatti potrà contattare l’azienda inviando la foto del pezzo di ricambio richiesto e chiedere informazioni sullo stato delle spedizioni o su come fare un reso merce.
    Le aziende invece potranno personalizzare una serie di ambiti (la foto, le informazioni di contatto, la categoria merceologica) e potranno associare al loro account per gli affari anche un recapito di rete fissa.
  • Chatbot e intelligenza artificiale: entrambi gli strumenti sono sempre più utilizzati per guidare il cliente nel processo di acquisto o di acquisizione di informazioni tramite Facebook Messenger. L’intelligenza artificiale sta facendo passi da gigante nella definizione della rilevanza che la comunicazione automatica può avere nel processo di vendita. Sempre più importante sarà affidarsi a società in grado di analizzare i potenziali clienti, definirne le caratteristiche e le esigenze in modo da organizzarli in gruppi omogenei, le buyers personas. La comunicazione è sempre più “uno-a-uno”, personalizzata e intima. Esistono diversi tipi di chatbot, ma quelli che saranno sicuramente più utilizzati sono:
  1. Quelli che aiutano le buyers personas a navigare, selezionare e acquistare dei prodotti senza abbandonare l’interfaccia di messaggistica istantanea;
  2. Quelli che forniscono notizie esaustive e aggiornate su argomenti selezionati dagli utenti;
  3. Quelli che rispondono in qualsiasi momento ai quesiti dei consumatori con informazioni rilevanti.

Le aziende non possono più pensare di fare a meno di uno strumento di intelligenza artificiale in grado di svolgere le attività di base di informazione e di vendita durante tutto l’arco della giornata e per tutti i giorni dell’anno.

Come promuovere la tua struttura ricettiva nel 2018? 3

  • Comunicazione video sui social network: avremo sempre meno secondi a disposizione per catturare l’attenzione del potenziale cliente. Tutto lascia presagire che lo strumento preferito saranno video live, Instagram stories in formato canvas, formati immersivi e interattivi, annunci video a 360°, la realtà aumentata etc. Tutte le analisi dei maggiori istituti di marketing individuano nella comunicazione video uno strumento indispensabile per poter raggiungere la propria audience in modo efficace ed efficiente. Infatti, il traffico generato dallo streaming video, secondo Cisco, ha detenuto il 73% del traffico globale nel 2016 ed è destinato a raggiungere l’82% entro il 2021, mentre secondo l’International Advertising Bureau, i ricavi prodotti dalla pubblicità su mobile per i digital video hanno subito un incremento del 145%, passando da 1,7 miliardi di dollari nel 2015 a 7,2 miliardi nel 2016.
  • Beacon: ovvero dei piccoli trasmettitori in grado notificare messaggi agli smartphone presenti negli immediati paraggi. Questi dispositivi possono servire da guida lungo un percorso di navigazione, che sia quello di un turista in una città d’arte e in un museo o del consumatore all’interno di un supermercato e di un centro commerciale. Le potenzialità di questi trasmettitori sono indubbiamente numerose, ma richiedono che l’utente abbia attivo sul suo smartphone il bluetooth.
  • Big Data: sempre più nella definizione della customer experience conterà un approccio account-based marketing. La chiave dell’account-based marketing è considerare i singoli account come se fossero interi segmenti di mercato, con le loro regole specifiche, e personalizzare le campagne marketing per ogni account. Le campagne avranno uno sviluppo interamente custom un po’ come avviene nel content marketing. La fase più importante e complicata di questo processo di personalizzazione, non solo dei contenuti ma anche delle campagne, consiste nel reperimento di tutte le informazioni possibili relative alle diverse buyers personas in target per l’azienda. I big data, ovvero questa enorme mole di informazioni sul pubblico dell’azienda, sul potenziale pubblico e sui trend mondiali sono di vitale importanza per mappare tutti gli scenari e “vestire i panni di ciascun accont-target” per poter soddisfare al meglio il cliente e più tempestivamente.

In definitiva il 2018 si caratterizzerà per una personalizzazione spinta del digital marketing con contenuti e campagne sempre più orientati alla singola persona, alla comunicazione individuale, intima e privata. L’utilizzo crescente e sempre più determinante degli smartphone rende gli acquirenti sempre più soli di fronte alla scelta di quali prodotti o servizi acquistare e la tecnologia dovrà saperli guidare in modo pro-attivo ed efficiente. Ogni cliente si dovrà sentire unico, compreso nelle sue esigenze e coccolato come se lo si conoscesse da sempre.

La tua azienda è pronta a sfruttare tutte queste opportunità? Se hai bisogno di una consulenza la tua strategia di vendita online e di social media marketing, contattaci

Richiedi informazioni

* Nome:
* E-mail:
Telefono:
Messaggio:
Ivan Gambaccini

Posted by Ivan Gambaccini

Laureato in ingegneria gestionale, si è occupato per circa 10 anni del coordinamento di aree commerciali, di ricerca e di sviluppo per importanti aziende, prima in ambito industriale poi nel settore informatico, come responsabile di una vasta rete commerciale. Dal 2013 ricopre la carica di Presidente di Rimini Reservation. Nel 2015 assume il ruolo di Direttore dei servizi presso Social Più, azienda del Gruppo TITANKA! specializzata in Social Media Marketing che opera in tutta Italia con servizi mirati al comparto aziendale e turistico.


Potrebbero interessarti anche: