Vendita camere last-minute: sai come fare?

Marco Baroni Marco Baroni   |   29 luglio 2019

 

Che la settimana a cavallo tra luglio e agosto sia difficile, complessa e non semplice da vendere penso che lo sappiano anche i muri del tuo hotel.

Detto questo non significa che non si possa fare il massimo per riempire la tua struttura, anche in questo caso.

Oggi voglio raccontarti cosa mi è successo la settimana scorsa: mi ha chiamato un albergatore, abbastanza allarmato, perché aveva diverse camere libere per questa settimana.

Il problema più grande, oltre ad avere camere libere, è che non sapeva cosa fare per poter gestire l’emergenza.

Premetto che, a soli 4/5 giorni dalla data di check-in, nemmeno io avevo una soluzione pronta in tasca.

Che fare quando si verificano queste situazioni?

In genere, la prima cosa che viene in mente di fare è portare nuovo traffico sul sito e generare nuovi contatti:

  • Attivando o implementando una campagna Google Ads;
  • Facendo una newsletter last-second;
  • Lanciando un’offerta sui social.

Tutte cose utilissime da mettere in campo, se possibile, ma allo stesso tempo sono tutte cose che impiegano un tempo abbastanza lungo per portare un cliente da uno stato di “non consapevolezza” a uno stato di “consapevolezza”.

Mi spiego meglio.

Facendo queste attività, in un tempo così breve dalla data di check-in, non abbiamo molto tempo per far “assorbire” il nostro messaggio.

Il tempo che passa tra il primo contatto, il preventivo e la prenotazione è davvero poco.

Per cui, non è per niente semplice far scattare quella leva che convinca un ipotetico cliente a preparare le valigie e partire.

Attenzione, fattibile, ma difficile in tempo così ristretti.

Per cui cosa fare?

I recall automatici, molto spesso, sono una manna dal cielo.

Quello che intendo è ricontattare, con un solo click e a costo zero, le centinaia di persone che hanno già richiesto un preventivo per quella specifica settimana e mandare loro un messaggio privato in cui gli proponi un vantaggio, un incentivo o un privilegio se decidono di confermare il loro preventivo (che già conoscono).

In sostanza, andiamo a stimolare nuovamente l’interesse di chi è già in contatto con te, ti conosce, ma per vari motivi non ha finalizzato la prenotazione.

Questo consente di velocizzare il processo di consapevolezza e aiutare gli indecisi a decidere: aiutare gli indecisi a decidere è la missione più profonda e importante a cui il tuo marketing deve ambire!

Ricontattare i clienti che ancora non hanno prenotato è una di quelle azioni gratuite, se si dispone del giusto strumento, che devono essere fatte per ogni settimana e per ogni specifico momento della stagione in cui è necessario chiudere prenotazioni in poco tempo.

Proprio per questa settimana, selezionando le date come nell’esempio reale qui sotto, è possibile vedere quanti preventivi non confermati abbiamo e scrivere a tutti, in base alla lingua di appartenenza, con un solo click!

 

Recall automatici MYREPLY

Bello, eh? Sì, lo è, molto.

Ah dimenticavo…

Don’t try it at home!
Mi dispiace, ma con il programma di posta elettronica non funziona.
Con MYREPLY, sì!

Richiedi informazioni

* Nome:
* E-mail:
* Località:
Telefono:
Messaggio:
Marco Baroni

Posted by Marco Baroni

Socio fondatore, A.D. e Direttore Servizi Web di TITANKA! S.p.a., importante agenzia web con clienti in tutto il territorio nazionale. Da più di 20 anni sviluppa progetti web e coordina sviluppatori, grafici e esperti di web marketing. Svolge attività di Consulenza per PMI, enti e istituzioni nazionali, aziende del settore turistico e ricettivo e grandi realtà internazionali. Il suo hobby preferito è sperimentare insieme al suo team di esperti nuove tecniche per aumentare i fatturati on line sia di strutture ricettive che di siti e-commerce.


Potrebbero interessarti anche: